<< Previous Next >>

The Good Fellas - UJ 2007


The Good Fellas - UJ 2007
Photo Information
Copyright: Carlo Bonini (granchius) Silver Star Critiquer/Silver Workshop Editor/Silver Note Writer [C: 11 W: 30 N: 11] (372)
Genre: People
Medium: Color
Date Taken: 2007-07-12
Categories: Event
Camera: Nikon D100, Tamron 70-300mm f4-5.6 Di LD Macro
Exposure: f/5.6, 1/90 seconds
More Photo Info: [view]
Photo Version: Original Version
Date Submitted: 2007-07-16 6:21
Viewed: 2095
Points: 2
[Note Guidelines] Photographer's Note
Umbria Jazz 2007 - Perugia (Umbria)
-----------------------
Questa è una storia di swing. Un viaggio fantastico dentro una favola multicolore, dove gli ingredienti principali sono la musica, la passione, i buoni sentimenti e l'amore per il proprio paese.

Corre l'anno 1993 quando, il forlivese Stelio Lacchini alias "Mr LUCKY LUCIANO" ed il bolognese Fabrizio Casadei in arte "BUM BUM LA MOTTA", forti dell'esperienza decennale "JUMPIN'SHOES", storica band di rock'n'roll che ottenne successi in tutta Europa, decidono di gettarsi a capofitto in quel vortice di swing italo americano che da origine ai "Gangsters dello Swing": THE GOOD FELLAS.

Quando si nasce nel paese di Carosone, Buscaglione, Modugno; nel paese di origine di miti come Frank Sinatra, Louis Prima, Dean Martin e mille altri, non si deve fare molto per essere contagiati dalla musicalità, dalla voglia di divertire e divertirsi, dal buon cuore. Diciamocelo francamente, QUESTO è il paese del sole e dell'allegria. Il mondo intero da sempre ama il nostro popolo, la nostra arte, il nostro calore. Da qui parte l'esperienza dei nostri "Bravi Ragazzi". Con un repertorio che varia da brani dei sopracitati "miti", fino allo swing afro americano di Louis Jordan e Big Joe Turner, brani originali e cover hanno conquistato il cuore delle platee di tutta Europa. Ray Gelato, oriundo italo-americano-inglese, leader dei Ray Gelato Giants, vera autorità in materia e beniamino del pubblico italiano, li considera la migliore band del genere. In un percorso nato da una sincera amicizia lunga oltre 10 anni, Ray ed i Ragazzi hanno "incrociato" gli strumenti più volte.

Tra gli episodi più significativi, la partecipazione alla trasmissione televisiva "IL BOOM", Canale 5, primavera/estate 1996, l'incisione di due CD dove Ray è ospite della band, "GELATO ALL'ITALIANA" (1996) e "GANGSTERS OF SWING" (1997), numerose tourneè in Italia ed all'estero. I GOOD FELLAS hanno suonato ai più importanti raduni e concerti di swing e rock'n'roll di tutta Europa; a Lione per il Festival delle scuole di ballo francesi,a Parigi per la "Grand Nuit du Rock’n’Roll; a Monaco, Berlino, Karlsruhe, Zurigo, Losanna, Cannes e hanno suonato al più importante festival di swing, la "Rhythm Riot" di Camber Sands in Inghilterra nel novembre 1998. Hanno partecipato più volte ad affermate trasmissioni televisive tra cui Roxy Bar, Help, Com'è, Il Boom.

Oltre a Ray Gelato hanno lavorato al fianco di grandi star della musica swing e rhythm'n'blues: Dave Taylor, pianista inglese mago del boogie woogie, con cui hanno intrattenuto personaggi del calibro di Steven SPIELBERG e Val KILMER, durante la presentazione del nuovo film di AUSTIN POWERS "THE SPY WHO SHAGGED ME"; Graham Fenton, leader dei Matchbox, million seller con "Rockabilly Rebel"; Screamin' Lord Sutch, maestro di artisti del calibro di Jimmy Page, Ritchie Blackmore, Keith Richards e pietra miliare della storia musicale inglese; Jack Scott, alias John Domenico Scafone, multimillion seller con "Leroy"; Blue Lou Marini, mitico sassofonista della Blues Brothers Band. Durante una vorticosa esibizione presso il Binario Zero di Milano, i Good Fellas si conquistano la simpatia e l'amicizia di Jad e DJ Ax, ovvero gli ARTICOLO 31, in seguito alla quale vengono chiamate a partecipare assieme a loro al Festivalbar 1998, al Roxy Bar ed al megaraduno di Garbagnate, Milano, quartiere d'origine, dove ventimila persone hanno modo di apprezzare "La Fidanzata", così come "Che Pupa!" ed altri brani originale dei GOOD FELLAS. Inizia così una collaborazione che promette buoni frutti.

Nel luglio 1998 vengono chiamati dal regista Giancarlo Scarchilli per apparire, al fianco di Daniele Liotti, nell' episodio "TUTT'UN TIC" del film "I FOBICI", (Sabrina Ferilli, Rodolfo Laganà, Luca Laurenti, G.Marco Tognazzi, Medusa, uscita nei cinema gennaio 1999). Regista, staff, attori, comparse, tutti coinvolti dall'irresistibile ritmo della band che suona grande musica in tutte le pause di lavorazione del film. Il locale si trasforma per incanto da set cinematografico a Ballroom della Chicago anni '40. Da una piovosa serata di settembre, nasce la più gloriosa esperienza dei nostri Gangsters: THE GOOD FELLAS diventano la live band del nuovo spettacolo di ALDO,GIOVANNI E GIACOMO: "Tel Chi el Telùn". 45 repliche al No limits Hall di Milano per oltre 80.000 spettatori, ascolti da record (oltre 10 milioni a puntata) per le puntate televisive, e grande attesa per le vendite della videocassetta dello spettacolo magistralmente diretto da Arturo Brachetti e prodotto da A.Gi.Di. Modena. Con grande cura Lucky e Fabrice scelgono i musicisti che completano l'organico dell'orchestra: arriva così al piano un maestro del boogie woogie, JIMMY GENNARO da Faenza; alla chitarra un giovane bluesboy di talento, JOHNNY COSTA, a volte egregiamente sostituito dall’ineffabile BIG CHARLIE ROMANO; della invidiabile sezione fiati fanno parte JJ DI GIACOMO al trombone, RICO ROMANO e CHARLIE MARTINO alle trombe e voce, al sax e clarinetto BENNY MARSALA, ed il giovane WALLY DI CAPUA detto "gigolò" al sax tenore; quest'ultimo riconosciuto dallo stesso Ray Gelato come una delle giovani promesse dello swing internazionale.

Con l'intreccio delle voci di Lucky, Charlie e Rico, sempre a cavallo tra il serio e la burla, lo spettacolo non conosce soste; il ritmo irrefrenabile, il colore, la gag ed il brano di jazz. Tutti elementi che contribuiscono a ridare al pubblico l'elemento fondamentale di un buon spettacolo, la gioia dell'essere intrattenuti con allegria, senza tematiche pesanti, impegnative, la libertà di abbandonarsi al ballo, al sorriso all'atmosfera di festa. I "Bravi Ragazzi" vestono l'immagine accattivante del gangster buono dal doppio petto facile; è di grandissima soddisfazione pensare che negli USA, da circa un anno, imperversa questo stile; locali da ballo, pubs e ristoranti dove la "Swing craze" fa da padrone; milioni di dischi venduti da bands come Brian Setzer Orchestra (ex Stray Cats), Big Bad Voodoo Daddy ed altri ancora. Ma i nostri eroi sono qui, nel loro paese; il paese da cui tutto è partito; se state camminando in una notte di nebbia e da un seminterrato sentite un ritmo medium swing, o se vedete sbucare un doppiopetto armato di mitra jazz, occhio, i GOOD FELLAS potrebbero essere più vicini di quello che pensate.....
----------
[http://www.donizetti.it/dist/news/news_vedi.asp?id=38]

Silvio2006 has marked this note useful
Only registered TrekLens members may rate photo notes.
Add Critique [Critiquing Guidelines] 
Only registered TrekLens members may write critiques.
Discussions
None
You must be logged in to start a discussion.

Critiques [Translate]

Ciao Carlo, bella testimonianza di Umbria Jazz con nota chilometrica e interessante, bravo, ciao Silvio

Calibration Check
















0123456789ABCDEF